Segue dalla Parte 2

Lo stato delle porte

In una architettura con STP le porte di uno switch possono avere un certo numero di stati ben definiti:

  • Blocking - è una porta che è stata disabilitata a seguito dell'elaborazione dello spanning tree. Ovviamente, nessun traffico è inviato su questa porta, che però è in grado di ricevere dati; può anche cambiare di stato qualora lo spanning tree lo richieda.
  • Listening - Lo switch "rimane in ascolto" in attesa di pacchetti BPDU da altre macchine, senza inoltrare alcun pacchetto. Più avanti si capirà meglio questo stato.
  • Learning - Questo è lo stato in cui va la porta non appena si collega un device: lo switch in pratica si "mette in ascolto" per capire che MAC address stanno arrivando dal quella porta. In questa situazione però lo switch NON FA FORWARD dei pacchetti alle altre porte. Questo significa che il device ha la scheda di rete "UP" ma i suoi pacchetti vengono temporaneamente bloccati dallo switch.
  • Forwarding - E' lo stato "operativo" di una porta che fa il proprio dovere (TX e RX di pacchetti). Chiaramente in questo stato la porta rimane anche in attesa di eventuali pacchetti BPDU che potrebbero indicare un cambiamenteo allo spanning tree.
  • Disabled  - La porta è "amministrativamente" disabilitata

Sulla base di quanto detto diventa interessante capire cosa accade quando si collega il cavo alla porta di uno switch:

  1. Il link fisico "va su" (ovvero si accendono le lucine sullo switch e sul device collegato)
  2. La porta passa dallo stato di LISTENING e cerca di capire se alla porta ci sono collegati apparati che già fanno parte dello spanning tree (con il rischio di loop): se si verifica un loop, la porta va in DISABLED; in caso contrario passa in LEARNING per capire quali MAC address sono collegati alla porta in modo da aggiornare la propria switch forwarding table.

Come si può facilmente intuire, durante questo tempo lo switch non "ritrasmette" i pacchetti, causando molto spesso un ritardo nell'inizializzazione del device. 

LE EVOLUZIONI

Naturalmente lo STP si è evoluto dalla sua prima definizione nei laboratori Digital nel 1985, soprattutto per migliorarne l'efficienza, i tempi di convergenza e consentire l'introduzione delle VLAN:

  • RSTP (Rapid Spanning tree) modificato nel 1998 con l'introduzione di maggiori controlli per minimizzare i tempi di convergenza.
  • PVST  (per VLAN Spanning Tree)  è l'implementazione caldeggiata da CISCO (che comunque la identifica con PVST+) dello spanning tree quando ci sono VLAN (802.1q).
  • MST (Multiple Spanning Tree) è sempre legato alle VLAN con la differenza che ogni VLAN ha un proprio Spanning Tree.